Hot List | Written by Camilla

humor_ordinaryseaman-1

DIRTY DANCING È UNA BUGIA

La scorsa settimana davano Dirty Dancing in tv. Un classico, visto e rivisto qualche migliaia di volta durante l’adolescenza, in compagnia della sorella, delle amiche, da sola…mai con il fidanzato. Presa da un momento di zapping sconfortante, sconvolta dopo quelle dieci ore di lavoro che hanno sempre un effetto positivo sull’aspetto estetico serale, ho deciso di riguardalo, giusto per verificare di non aver dimenticato le battute. Ora, appurato che Patrick Swayze (pace all’anima sua) ha sempre il suo perché e che le scarpette da ballo mi fanno impazzire, durante la visione ho elaborato dei ragionamenti che mai prima di allora mi avevano sfiorato. Alla soglia dei trent’anni ho avuto “il nirvana del Dirty Dancing”, una presa di coscienza su ciò che non riesco più a sopportare di vedere, presa dal cinismo acuto delle donne-lavoratrici-milanesi-o-ditorni-che-arrivano-sempre-dopo-le-fighe-tacco-12-e-tette-fuori. Perciò Baby, eccoti i punti fondamentali che smontano in un batti baleno la tua storia d’amore estiva. Perché nella realtà sarebbe successo ciò che ti sto per raccontare e molto altro.

#1. Il maestro di ballo sarebbe andato a letto con tua sorella

L’insegnate di ballo è per propria natura un esemplare votato alla bellezza. In poche parole gli piacciono che gnocche o, se proprio non lo sono, almeno dovrebbero avere una serie di curve al punto giusto. Ora, quando tu arrivi, con il tuo vestito largo con lunghezza ammazza-gamba, la tua chioma di capelli ricci con permanente annessa e il tuo nasino (che proprio nasino non è), stai sicura che la prima cosa che ti chiederà Johnny è il numero di telefono di tua sorella. Perché? Forse perché lei è alta, magra, indossa un tubino al limite delle sue capacità polmonari e ha sempre la messa in piega fresca di giornata? Forse. In ogni caso Baby, non sarebbe di certo venuto a cercare te, nemmeno se avessi affisso alla porta del tuo bungalow un cartello con scritto “Svendita!”.

#2. Non avresti mai imparato a ballare in quel modo

Lo si vede dalla tua postura che in vita tua non hai mai fatto sport. Al massimo ti è capitato di giocare a pallavolo qualche volta durante l’ora di educazione fisica al liceo e ti sei pure beccata una pallonata in faccia. Tu sei più una da giro in bicicletta la domenica mattina, non senti la competizione con quel ramo di esemplari femmina che si fanno un selfie ogni sera prima della corsa. Proprio per questo motivo, è matematicamente impossibile che tu sia in grado di muoverti come un’anguilla sexy dopo sole due lezioni di mambo, cha-cha-cha e il merengue. Al massimo avresti potuto memorizzare i passi della macarena.

#3. A tuo padre non sarebbe mai piaciuto lui

Tuo padre è un medico, di famiglia benestante. Tua madre passa le sue giornate tra un the con le amiche e l’appuntamento al centro di bellezza. La tua strada verso qualche università prestigiosa è già segnata, tonnellate di libri e tailleur tristi ti aspettano. Pensi davvero che presentando alla tua famiglia un maestro di ballo squattrinato, con la prospettiva di fare l’imbianchino non appena l’artrosi all’anca si sarebbe fatta sentire, tuo padre lo avrebbe accolto a braccia aperte? No cara Baby, questo non sarebbe mai successo. Perciò goditi la tua storia di sesso in segreto e non cercare di cambiare i pregiudizi altrui. Non ci è riuscito nessuno per decenni, di certo non sarai tu a cambiare le cose.

#4. In quel famoso “angolo” forse ci saresti stata bene

Ok, la scena del ballo finale è la più bella e dopo queste elucubrazioni isteriche ve la riproporrò. Alzi la mano chi non ha mai cercato di riprodurre il salto d’angelo rigorosamente in piscina, per evitare di spaccarsi la testa sul pavimento e con risultati a dir poco disastrosi. Ma se tutto ciò che abbiamo appena detto fosse vero, all’angelo Baby non ci saresti mai arrivata. Al massimo, dopo qualche partita di burraco con le nuove amiche del villaggio estivo, avresti deciso di “farti bella” per lo spettacolo finale. Avresti cercato di sembrare disinvolta sul tacco 12 rubato alla sorella, tenendo sempre sotto controllo le sedie più vicine a te nella sala. E dopo una buona dose di vodka-tonic, saresti finita a ballare con il figlio brufoloso del padrone e forse, dico forse, ti saresti innamorata all’istante. Perché, cara Baby, l’amore non è un clichè e ogni tanto, stare nell’angolo non è una brutta idea.

an exhibit studies wardrobe as weapon
weight loss tips Eric Vega Bikini Fashion Show

One designer well known for presenting highly practical
snooki weight lossGiuliana Rancic Partners with HSN for New Fashion Line

Comments are closed.

- INSTAlove -

- TWEETS -

Anti-acido di San Valentino, che però non è neanche miele

Una lista completamente random sull'amore

New Year’s Resolutions

Nuovo anno, stessa storia: Gennaio è il mese dei buoni propositi

In the mood for Xmas

perché per noi il Natale è una cosa seria

All I want for Xmas is… (NOT YOU!)

La wishlist natalizia di Lucia