Pop Culture | Written by Francesca

amywinehouse_ordinaryseaman1

Amy is back!

Al Festival di Cannes non avrebbero potuto scegliere una sezione più adatta per “Amy”, il documentario sulla vita della Winehouse diretto dal regista Asif Kapadia: presentato tra le “Proiezioni Speciali”, promette di essere speciale davvero. Un collage fluente di flashback, materiale d’archivio, interviste, video personali, ma soprattutto brani inediti e musica, perché Amy è stata ed è questo. La sua spiccata intelligenza e fragilità, nonché il rifiuto di tutto il grottesco dei media, il suo amore disperato e le sue dipendenze l’hanno tragicamente trascinata nel Club 27 – e come tutti i suoi membri, sarà ricordata per sempre. Come spesso accade per le pellicole che si impegnano a raccontare un’esistenza, le persone più vicine e coinvolte esprimono dissenso, si dissociano: è successo per “Cobain: Montage of Heck“, è successo per “Amy”, succederà ogni volta. La critica si è invece rivelata entusiasta, e noi non vediamo l’ora di sederci al cinema e rendere omaggio alla ragazza di Camden Town.

Le proiezioni avranno luogo nei giorni 15-16-17 settembre.Prevendite aperte!

Comments are closed.

- INSTAlove -

- TWEETS -

A casa tutto bene

L'ultimo disco di Brunori SAS

Come servire una cena ai tacchini

ovvero: la cosa più dolce che vedrete oggi

Lolita. Icona di stile

Il mito della giovinezza nella moda by Giulia Pivetta

Il primo uomo cattivo

A novel by Miranda July