Hot List | Written by Editors

newyearcopertina

New Year’s Resolutions

#SARA

Il mio amore per le stoviglie non va di pari passo con il mio estro culinario, detto in un altro modo: in cucina sono proprio una frana. Quest’anno vorrei porre fine alla mia misera fantasia tra i fornelli.

Vorrei cucinare in modo naturale dando spazio all’inventiva e all’intuizione, non aspettando di andare a cena fuori per assaggiare qualcosa di  sofisticato e raffinato al tempo stesso, per guardare con occhi a cuore portate le cui composizioni sono per forza di cose instagrammabili e finiranno con l’essere aggiunte alla mia gallery.

Quando vado a fare la spesa sono sempre alla ricerca della novità, mi piace assaggiare piatti nuovi e li acquisto anche, però si tratta sempre di cose che si preparano in poco tempo e cibi basici, complici  lo stress e la frenesia della vita. Non ho proprio il dono di saper assemblare sapori solo all’apparenza contrastanti.

Vorrei imparare a mixare ingredienti insoliti, lasciandomi guidare dalle papille gustative, creando accostamenti inediti. Mi piacerebbe provare – e riuscire! – a cucinare qualcosa con i fiori, sia che essi siano l’ingrediente principale sia che siano una semplice aggiunta alla fine.

Per esempio, mi piacerebbe riuscire a preparare primi, secondi e dolci sofisticati tipo ravioli di carciofi e noci, zuppa di topinambur con zafferano e timo, arrosto di seitan, cheesecake con tofu decorata con petali di viole, tutto rigorosamente vegan. Se non nasceranno immediatamente idee nella mia testa, mi verrà in aiuto il web con le sue ricette infinite, basta andare su un sito vegan friendly e si troveranno squisitezze e gustosità per un anno intero.

Insomma, qualcosa che vada oltre l’insalatina Esselunga condita con olio e sale, il riso basmati – per carità, buonissimo! – e l’affettato di mopur da aprire all’istante. Chissà se anche i miei piatti e ciotolame vario sorrideranno.

16142944_10208341050148560_6499182766448345433_n

#CAMILLA S.

Anno nuovo, nuove scoperte.

Fra i tanti buoni propositi che potrei avere per iniziare al meglio questo 2017, ne ho scelto uno che sicuramente ne esclude altri, come per esempio il classico “Non abbuffarsi, mangiare sano e tentare l’ardua scalata verso l’essere in forma”. Ma, ahimè, adoro Milano e i suoi innumerevoli pub, locali e ristoranti. Il vero problema, poi, è che ogni settimana ne aprono di nuovi e che sembrano tutti uno meglio dell’altro e da provare ad ogni costo. Ciò che dovrò quindi impegnarmi a fare sarà sconfiggere la mia eterna pigrizia (per intenderci, quella da cena sul divano con pizza, patatine e Coca Cola + coperta e film), uscire di casa e sperimentare almeno uno o due ristoranti al mese fra gli innumerevoli presenti nella mia lista #daprovare.

Ecco qua la mia top 5 (aiutata nella scelta dalle utilissime recensioni di Trip Advisor e dalle foto di chi, prima di me, li ha provati):

- Orto Erbe e Cucina, via Gaudenzio Ferrari 3 Milano
Recensioni Trip Advisor: eccellente
Prezzo: €€-€€€
Specialità: i piatti sono tutti caratterizzati da un sapore e un profumo di erbette aromatiche.
Atmosfera: il ristorante sembra molto piccolo ma estremamente curato, un po’ in stile naif, con erbe aromatiche in ogni angolo e un piccolo giardino all’interno.
Curiosità: questo locale nasce come vera e propria bottega di erbe aromatiche, che ha poi deciso di sviluppare anche una piccola cucina.

- Osteria del Castello, Piazza Gallarati Scotti, 8 fraz. Corneliano Bertario a Truccazzano (provincia di Milano)
Recensioni Trip Advisor: eccellente/molto buono
Prezzo: €€-€€€
Specialità: le ricette si ispirano alla tradizione piemontese, lombarda e toscana, tipiche di una vera osteria, e sono rivisitate in chiave moderna e ricercata.
Atmosfera: la location è molto suggestiva, combina lo stile rustico a quello di una galleria d’arte.
Curiosità: il ristorante nasce come corte del 1300, immersa in un suggestivo paesaggio rurale, è oggi gestita da tre fratelli che hanno ereditato la passione per la cucina.

- Crazy Cat Cafè, Via Napo Torriani 5 Milano
Recensioni Trip Advisor: eccellente
Prezzo: €€-€€€
Specialità: qui si può venire per colazione, pranzo, merenda o aperitivo. La scelta di offrire pochi prodotti è determinata dal fatto che tutti i piatti siano home-made, con un’attenzione particolare a
pietanze vegane e vegetariane.
Atmosfera: per chi ama gli animali e in particolare i gatti, penso possa davvero essere un’atmosfera super friendly e rilassante, ottima per un pomeriggio di vizi e coccole, sia per noi che per i pelosi.
Curiosità: il Crazy Cat Café ha un’importante missione, ossia sensibilizzare sull’adozione dei gatti e sul corretto comportamento da avere nei confronti dei nostri felini. La colonia del café è infatti composta da nove gatti, tutti adottati da associazioni e cucciolate di strada.

- La Ravioleria, via Paolo Sarpi 27
Recensioni Trip Advisor: eccellente
Prezzo: €
Specialità: i ravioli cinesi preparati al momento con tre ripieni che possono essere manzo e spezie, maiale con verdure e vegetariano. In più c’è la classica cucina fusion.
Atmosfera: è una piccola bottega di street food cinese in cui purtroppo pare non ci sia posto per tavoli, ma si mangi per strada.
Curiosità: i ravioli sono venduti sia cotti che da cuocere e per il take away ci sono confezioni da 8 ravioli a 5 euro.

- Al Less – Bolliti dal Mondo, in Viale Lombardia 28
Recensioni Trip Advisor: molto buono
Prezzo: €€-€€€
Specialità: ovviamente il bollito misto, oltre a piatti di tradizione lombarda.
Atmosfera: arredamento curato in stile vintage/retrò che riporta un po’ indietro nel tempo.
Curiosità: questo ristorante mantiene anche la funzione principale della struttura, ovvero la serra, con tutte le piante aromatiche, dalle classiche alle più particolari, piante da cucina e da decorazione ed è possibile acquistarle.

E a voi quale ispira di più?

16142396_10210491365112207_4545936672564079972_n

#MARIALUCIA

Non sono un’amante del tradizionale elenco de “i propositi per l’anno nuovo”, non perché sia contro l’usanza in sé ma perché, come tutti, mi ritrovo ogni anno a prefissarmi obiettivi o regole che poi irrimediabilmente non seguo. Per questo 2017 evito quindi questo tipo di liste (ed è dura perché io AMO le liste) e mi auguro solo di focalizzarmi su me stessa nel tentativo di capire meglio cosa voglio davvero e lo faccio innanzitutto concentrandomi su quello che amo e che mi rende felice. Unico input dunque: smettere di sprecare tempo a fare cose per me inutili e focus solo su quello che mi fa sgranare gli occhi al primo sguardo! Dove mi troverete? Sicuramente in giro per mercatini delle pulci in cerca di tesori!

unnamed

#FRANCESCA

Possiedo diverse macchine fotografiche – vintage a pellicola, istantanee, digitali – ma ahimè, scatto troppo poco. Il motivo è sempre lo stesso: lo smartphone è così comodo e compatto che se sono in giro mi sento molto più libera e leggera a portare in tasca solo quello. E’ sbagliatissimo. Mi trovo perfettamente d’accordo con Vint Cerf quando afferma che ci stiamo lasciando dietro un deserto digitale, e che se amiamo una fotografia dobbiamo stamparla.

Il mio proposito per il 2017 comincia da qui: fare più foto, stamparle e organizzarle in un album – come facevano i nostri genitori, insomma. Per anni ho sfogliato i raccoglitori dei miei, rimanendo estasiata davanti alle immagini delle vecchie auto dei nonni, degli abiti eleganti della mia prozia, di mia madre da bambina e mio papà al militare.

I social, il digitale e gli smartphone ci stanno disabituando a questa bellissima tradizione. Vorrei provare a invertire la tendenza, fare qualche passo indietro. Almeno per me.

album-bed-book-inspiration-memories-Favim.com-334880

 

#CAMILLA

Aprire sempre di più la mente sarà il mio obiettivo per questo 2017. Ci sono tante cose che non conosco, appartenenti al passato e al presente, tanti artisti fotografi o registi che non ho ancora avuto il piacere di scoprire. Molte volte non serve capirli, è sufficiente conoscerli e osservarli con attenzione perché ti possano ispirare anche in un modo non visibile ad occhio nudo. Per questo, una lista di eventi e mostre da segnare in agenda è d’obbligo. Concentriamoci sullo splendore che abbiamo intorno e buttiamo le cose brutte e scontate che ci distraggono dall’obiettivo.

Anish Kapoor – Dicembre 2016 / Aprile 2017 – Roma

Edward Hopper – Ottobre 2016 – Febbraio 2017 – Roma

Laure Prouvost – Ottobre 2016 – Aprile 2017 – Milano

Keith Haring – Febbraio 2017 – Giugno 2017 – Milano

Damien Hirst – Aprile 2017 – Venezia

Elliott Erwitt – Febbraio 2017 – Luglio 2017 – Genova

Depero – Marzo 2017 – Luglio 2017 – Parma

ordinaryseaman_resolution_post

 

 

 

 

 

Comments are closed.

- INSTAlove -

- TWEETS -

Anti-acido di San Valentino, che però non è neanche miele

Una lista completamente random sull'amore

In the mood for Xmas

perché per noi il Natale è una cosa seria

All I want for Xmas is… (NOT YOU!)

La wishlist natalizia di Lucia

Netflixing

Le serie più assurde da non perdere!